• Giovedì 15 Aprile 2010 alle 9:59
Pasta integrale e pane contro le malattie cardiovascolari. La ricerca e i consigli.

Migliorare il benessere e ridurre il rischio di malattie legate alla sindrome metabolica: questo l’obietti del nuovissimo progetto integrato Healthgrain (Exploiting bioactivity of European cereal grains for improved nutrition and health benefits) commissionato dall'Unione Europea, finanziato con 10,8 milioni di euro e che ha messo in evidenza come la pasta integrale rappresenti un valido aiuto nella prevenzione di cardiopatie e diabete di tipo 2.

L’assunto, dunque, è ancora volta quello che mangiare pasta fa bene alla salute, soprattutto se integrale e la spiegazione risiede nel fatto che si tratta del frumento più ricco di fibre e vitamine minerali. A far compagnia la pasta nella prevenzione di malattie cardiovascolari è il pane. Il progetto 'Healthgrain' conduce ricerche avanzate sui composti di frumento integrale che proteggono la salute, promuovendo l'assunzione di alimenti a base di cereali sicuri e con  ingredienti di alta qualità.
 

“Se la dieta mediterranea è riconosciuta metodo di prevenzione delle patologie cardiovascolari, nella popolazione più vasta ed in particolare nei soggetti a rischio vascolare già noto, la predilezione della pasta nella dieta quotidiana determina una riduzione sia della presenza che dello sviluppo delle lesioni vascolari maggiori documentabili con diagnostica ad ultrasuoni". Così il professore Alfio Amato del Dipartimento Cardio Toraco Vascolare del Policlinico Universitario S. Orsola-Malpighi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato nè utilizzato per inviarti email *



Clicca qui sotto per confermare che sei una persona:

Cancel reply
T2 = 1.562,5000
T3 = 1.562,5000
T4 = 1.562,5000
T5 = 1.562,5000
T6 = 1.562,5000
T7 = 1.562,5000 > 31204,37 > 31204,36